agata oir italy

L’agata, pietra preziosa: storia, colorazione e proprietà

L’agata, la pietra preziosa dalle diverse colorazioni.
Se volete scoprire la storia, le colorazioni e le proprietà dell’agata, continuate a leggere oppure scoprite la nostra selezione di agata su OirItaly.

Un accenno di storia

Si hanno certezze di utilizzo dell’agata già nel neolitico, periodo in cui veniva sfruttata per realizzare oggetti ed amuleti. I Babilonesi, invece, furono tra i primi ad usarla per la realizzazione di gioielli. Nell’antica Roma si credeva che potesse neutralizzare il veleno dei serpenti se ridotta in polvere e bevuta assieme all’acqua. Non solo, tra i popoli antichi come i Tibetani e gli Indiani, si riteneva che la pietra portasse fortuna sia alla persona che l’aveva con sé sia agli ambienti.
La parola “agata” deriva dal greco “achates”, nome del fiume dove in tempi antichi furono trovate queste pietre in abbondanza. I principali giacimenti si trovano in Cina, Brasile, India ed Asia minore.

agata oiritaly

Colorazioni e proprietà

In natura la si può trovare di diverse colorazioni poiché la sua formazione è derivata da una lenta deposizione a strati di materiali che in concomitanza di sostanze diverse tra loro producono delle striature di colori diversi; le colorazioni vanno dal bianco, azzurro, rosso, giallo, verde, nero, bruno. Ogni colorazione ha una specifica proprietà, ad esempio:

Agata blu: migliora il funzionamento del sistema nervoso e scheletrico ed è utile contro i disturbi legati alla tiroide e al mal di gola; è consigliata per chi deve parlare di fronte ad un pubblico in quanto aiuta nel migliorare la comunicazione.

Agata marrone: è uno stimolo contro la pigrizia. Se al centro della pietra è presente un cerchio bianco, questa è un amuleto contro il malocchio in quanto la parte bianca viene associata all’occhio vigile di uno sguardo protettore.

Agata bianca: è efficace nella meditazione, per ricercare e trovare una connessione spirituale profonda.

Agata rossa: è ottima per contrastare il gonfiore addominale.

Agata arancione: riduce la gastrite e stimola la digestione, inoltre è un ottimo aiuto per migliorare la concentrazione.

Agata viola: protegge la gestazione delle donne in gravidanza ed aiuta a disintossicare e a purificare l’organismo.

Ad ogni modo, generalmente chi porta con sé l’agata si crede abbia una protezione dalle malattie e dagli eventi sfortunati e possa raggiungere un’armonia spirituale. Risulta, inoltre, molto utile per le malattie legate alla sfera oculare. Per un ottimale utilizzo, si consiglia di tenerla in ambienti domestici o nel caso di problemi corporei, di posizionarla a diretto contatto con la pelle dell’area interessata. Per scaricare le energie non pure catturate la si deve semplicemente lavare sotto un getto d’acqua corrente.

L’agata è la pietra portafortuna del segno dei Gemelli. Se vuoi scoprire la pietra preziosa del tuo segno zodiacale leggi il nostro articolo.

Giovanni Raspini
Orecchini Giovanni Raspini Donna
Collana Tamashii Unisex
Nove 25
Anello Nove25 Unisex

Ti è piaciuto l’articolo? Condividilo su: